martedì 31 agosto 2010

MA QUALCONO GLIEL'HA DETTO CHE LA GUERRA E’ FINITA…?



3 GIUGNO 2009 - Non riesco a capire come sia possibile per alcuni personaggi della politica civitavecchiese, partecipare ai congressi nazionali dove si sciolgono i partiti (penso ad AN ma non solo), e il giorno dopo tornare a casa come se nulla fosse accaduto e rivolgersi ai propri concittadini come consiglieri o capigruppo di quegli stessi partiti che, grazie anche al loro voto, oggi non esistono più.
Più leggo i quotidiani locali e le dichiarazioni stampa di certi consiglieri comunali (ma non solo...) e più mi torna in mente quel soldato giapponese rimasto da solo per decenni nella giungla a combattere gli americani a guerra finita.
Voglio ricordare a tal proposito a lor Signori ciò che il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (nonché padre e leader indiscusso del Popolo delle Liberta) ha dichiarato qualche giorno fa sulle pagine del Corriere della Sera: “AN è un partito che non esiste nominalmente perché è confluito nel PdL”.
Quindi cari Consiglieri, prendete il coraggio a due mani e dichiaratevi (con fierezza o almeno facendo appello alla vostra dignità) Consiglieri del PDL.
Io capisco che ora, in un contenitore grande ed eterogeneo come il PDL, sarà più difficile pretendere di avere l’esclusiva di rappresentanza dell’elettorato di destra, e capisco anche che per qualcuno possa essere un problema perdere i "galloni" sul campo e tornare ad essere uno dei tanti consiglieri, o più in generale uno dei tanti del Pdl… (se non addirittura uno dei tanti e basta). Ma questo è il presente che avete voluto e contribuito a far arrivare e bisogna che ora ve ne assumiate la responsabilità.
Coraggio c’è di peggio nella vita.

4 commenti:

Hai perfettamente ragione.
Non capisco come mai nessuno gli fa notare queste cose
forse ci piace essere presi in giro.

Spartakus

qualcosa sta cambiando finalmente bravo Antonio

La politica del Pdl civitavecchiese la vedremo presto. Sarà tutto più chiaro quando arriveremo allo scontro finale e ne rimarrà in piedi solo uno (policiamente parlando ovvi...). Il vincitore avrà in mano il partito e deciderà la direzione del Pdl.
Non è detto che sia il sindaco a vincere. L'esito non è scontato affatto come tutti credono

A me non va giù che un candidato eletto con il mio voto, dopo qualche mese possa passare in un altro schieramento e mantenere la nomina.
Daje Antò....ho più rispetto per te che di tanta merda che abbiamo in città

Posta un commento