sabato 4 settembre 2010

Cubagate: una sinistra alla frutta e una politica di bassa lega


ANTONIO CACACE (La DESTRA): CUBAGATE, QUANDO LA POLITICA SI VERGONGA DI QUESTA POLITICA.
.
.
 15 ottobre 2009
Comunicato Stampa
Le accuse personali mosse in questi giorni dalla sinistra civitavecchiese al Sindaco Moscherini sono disperate e tali da indurre a pensare che ormai quest’area politica sia alla frutta perché non ha più nulla da dire alla Città.
Vorrei sapere se questi signori e, mi riferisco sia ai burattini che ai burattinai, usando questi mezzi e questo modo di “fare politica”, pensano di essere un buon esempio per i giovani che vorrebbero affacciarsi a questo mondo o che semplicemente osservano le Istituzioni e chi li rappresenta.
Che sia ben chiaro, con questa nota non intendo assolutamente difendere il Sindaco Moscherini, non è il mio mestiere e per quello che so’, ciò che non manca al Sindaco sono proprio i difensori (o i “protettori” come direbbe qualche suo detrattore…). Anche se, ne sono certo, qualora la magistratura lo giudicasse colpevole, sarebbe indifendibile per chiunque, visto il tipo di accuse che gli sono state mosse. In caso contrario però, e cioè in caso d’innocenza o semplicemente di non provata colpevolezza, verrebbe definitivamente “santificato sull’altare del Pincio” e consegnata la Città per almeno altri trent’anni. Ipotesi, quest’ultima che non mi sento di escludere visto i primi riscontri e visto i soggetti che a vario titolo hanno architettato il “colpaccio del secolo”. Certo è, che si è innocenti fino a prova contraria!!
La politica deve saper fare il suo mestiere e tentare di sfiduciare l’avversario con argomentazioni politiche valide e basandosi esclusivamente su ciò che la controparte ha detto, promesso e fatto nello svolgimento della propria azione. Nell’agire politico c’è anche una questione di stile e di rispetto, che dovrebbe sempre prevalere sulla polemica di parte, e in questo caso, senza ombra di dubbio, si è andati oltre. Oltre perché la sensazione è che su questa vicenda, si è voluto scoperchiare il vaso di Pandora non per chiedere giustizia, ma per sfiduciare un Sindaco eletto democraticamente e usare l’eventuale reato a fini politici. La tragedia nella tragedia! Lo squallore nello squallore!!
Personalmente non ne posso proprio più di sentire pettegolezzi sui gusti del Sindaco. “Problemi” suoi…
Ormai si rasenta la farsa. E’ possibile che non si riesca a capire che al semplice cittadino non interessa tutto questo, ma vuole sapere come la politica risolverà i suoi problemi (la casa, il lavoro, il caro vita, l’asilo nido per i figli..) e quelli che attanagliano la città.
Invece di usare metodi poco ortodossi e discutibili, come mai nessuno chiede al Sindaco e alla Giunta comunale perché quando dei semplici cittadini, o delle forze politiche, segnalano un disservizio, fanno delle proposte, portano alla luce dei problemi, “denunciano” il degrado che esiste in città nessuno dei nostri rappresentati cittadini si sente in dovere di dare seguito a tali istanze o più “semplicemente” di dare delle risposte? Perché non ci si indigna davanti a questo?!? Come mai nessuno, a distanza di due anni e mezzo, chiede al Sindaco perché non sta attuando il suo programma elettorale? Eppure “il patto per la città” è lì, accessibile a tutti su internet.
Perché, ed esempio, ha promesso un ospedale nuovo quando sapeva di non poterlo fare? Perché ha promesso un pronto soccorso in ogni circoscrizione e poi non ci s’impegna per far funzionare a dovere l’unico che c’è? Che fine ha fatto l’oceanario? E il multisala? E il nuovo Pirgo? E i poli di eccellenza? Che fine hanno fatto i varchi elettronici? Perché si prometteva la cittadella dello sport quando non ci sono (quasi per nessuno…) i soldi per sovvenzionare le associazioni sportive? Perché non si chiede ai grandi armatori e ai grandi investitori (privati e pubblici) che fanno affari a Civitavecchia di investire nel sociale, così come viene fatto ad esempio a Genova e Livorno? Perché nessuno dice alla Giunta che le convenzioni che si stipulano (tipo quella dell’Enel), si fanno per destinare i proventi alla collettività affinché essa venga risarcita del danno procurato da tali servitù e attività e non per coprire buchi di bilancio e la mala gestione amministrativa? Perché non si pretendono per questi proventi i piani d’investimenti per la cittadinanza? Perché nessuno chiede al Sindaco se il progetto Arrow Bio sarà realtà o se si sta cercando solo di perdere del tempo per superare le elezioni regionali, così magari con una nuova Giunta alla Regione Lazio e sotto la “minaccia” di risarcimento danni della Beg ci ritroveremo come per magia l’inceneritore? Perché si lasciano i lavori a meta??!? Perché a corso Centocelle non si riesce a piantare “quattro” alberi? Perché vie delle Sterlizie è ancora pericolosa? Perché dopo che il 10 settembre abbiamo “denunciato” l’esistenza di un mondezzaio davanti all’entrata principale della stazione ferroviaria nessuno ha preso provvedimenti e tutt’oggi quello spettacolo indecente e vergognoso è ancora lì? Perché chi sbaglia non viene mandato a casa ma continua ad essere pagato “profumatamente” con i nostri soldi? Perché una città che ha il problema del pendolarismo, dell’emergenza abitativa, dei furti negli appartamenti non ha un delegato per le FF.SS., uno per l’emergenza abitativa e uno per la sicurezza? Perché non si va affondo a tante e tante cose..??
Queste ed altre sono secondo noi le risposte che il Sindaco dovrebbe dare alla città e sono queste semplici domande che la politica dovrebbe fare con insistenza, fermezza e perseveranza, tornando a fare una politica attiva, militante, basata sui valori e sugli ideali. Una politica fatta per la gente e con la gente.
Quando invece la lotta e lo scontro politico scende a livelli infimi e bassi, dove le accuse personali, le minacce di querele, l’esercizio del potere e dell’arroganza sono all’ordine del giorno, c’è da preoccuparsi e iniziare sul serio a riflettere!
Ritengo, ma è un mio giudizio personale, che non si debba mai e poi mai, gettare in pasto ai media ed esporre alla pubblica gogna, una persona (pubblica o privata che sia) se non si hanno delle prove concrete, soprattutto quando si parla di accuse così infamanti. Altrimenti si rischia di perdere di credibilità e dar ragione a chi giudica negativamente la politica e coloro che la fanno!

Antonio Cacace
Vice Segretario
La Destra di Civitavecchia

4 commenti:

è un po lunghetto ma è tra le cose più belle che ho di questi tempi.
Complimenti Antonio

Sie GRANDE! questa è fare politica.
a.s.c.

TU SAI CHI SIAMO....
Ciao Antonio

sei un grande!! questo è essere di D-Destra!!!!! ti sei dimenticato di dire però, quando chiedevi i delegati per i problemi importanti della città, che devono essere COMPETENTI e non come quelli che ha sfornato questa giunta. in molti casi incompetenti, inesperti, e x niente rappresentativi, a volte neanche di se stessi. Spesso anche gentucola che è li solo x mendicare un posto di lavoro (e l'elenco è lungo...). Questa gente non mi rappresenta.
TU, ANTONIO NON CI DELUDERE..CONTINUA COSì!!!!!!!!!!!

IL CORVO

Posta un commento