domenica 5 settembre 2010

Iran: petizione online per la liberazione di Sakineh Mohammadi Ashtiani


24.08.2010. Il mondo di internet si mobilita per la liberazione di Sakineh Mohammadi Ashtiani.
Questa donna iraniana di 43 anni si trova rinchiusa in prigione: madre di due figli, e’ stata condannata per adulterio, oltre che accusata di essere stata complice nell’omicidio del marito. Costretta a rilasciare una confessione non vera in televisione, la donna (che ha già subito la pena delle 99 frustate sotto gli occhi di uno dei suoi due figli), il cui avvocato, Mohammed Mostafei, e’ dovuto persino scappare in Norvegia, verra’ lapidata. Il suo legale continua per lei una battaglia che ora e’ approdata anche su internet, mentre tutto il mondo chiede al governo di Teheran di fermare la mano del boia.
Ma da quando Mostafei ha fatto conoscere al mondo la vicenda di Sakineh, si sono moltiplicati gli appelli e le richieste anche ufficiali al governo di Teheran perché la donna non venga uccisa. Sul sito di Amnesty Italia oppure su quello del quotidiano La Repubblica potete firmare la petizione per salvare Sakineh.
 Una morte orribile quella per lapidazione (attraverso il lancio di pietre. per un crimine probabilmente non commesso.
.
INVITO TUTTI A FIRMARE !

0 commenti:

Posta un commento