lunedì 14 novembre 2011

CIVITAVECCHIA, ANTONIO CACACE (IL POPOLO DELLA CITTA’): BENE PROTOCOLLO D’INTESA TRA COMUNE E PORTO PURCHE' NON SIA SOLO UNO SPOT ELETTORALE



“Che il sindaco Moscherini e il presidente dell’autorità portuale Monti avessero una forte intesa lo sapevamo già. Non si capisce però la necessità di formalizzarla, siglando un protocollo d'intesa tra Comune e Porto che rappresenta alla fine solo una dichiarazione di intenti, senza alcun impegno effettivo, che rischia di essere soltanto una promessa elettorale”. Lo dichiara Antonio Cacace, Presidente dell’Associazione Il Popolo della Città di Civitavecchia. 

“Il dubbio lo solleva anche lo stesso vicesindaco Zappacosta quando auspica - prosegue Cacace - un concreto passo in più rispetto al protocollo d’intesa tra porto e Comune di Civitavecchia. Riteniamo che vada stipulata subito una convenzione per mettere nero su bianco gli obblighi del porto verso la città e regolamentarne i rapporti. Gli obiettivi concreti devono essere quelli di ridurre il gap tra lo sviluppo del porto e quello della città, garantire ricadute occupazionali, introdurre clausole risarcitorie nella formula di investimenti sul territorio. E quando diciamo subito, intendiamo dire prima delle elezioni amministrative, al di là di chi sarà nel 2012 il sindaco di Civitavecchia. La città merita di essere risarcita per le servitù portuali (e non solo portuali...) a prescindere dall’esito del voto. E se il vicesindaco non ha avuto il coraggio di manifestare il suo dubbio esplicitamente, lo facciamo noi de “Il Popolo della Città”, assumendoci al tempo stesso l’impegno di tener alta l’attenzione su questo protocollo d’intesa affinché non diventi solo un altro spot per il sindaco in pieno stile con la sua trascorsa campagna elettorale 2007”. 

0 commenti:

Posta un commento