Benvenuti nel blog ufficiale di Antonio Cacace.

Questo blog nasce con il preciso intento di far sentire la propria voce ed esprimere il proprio pensiero, liberamente e democraticamente.

Questo Blog nasce perchè non mi piace subire gli eventi ma partecipare agli stessi. Ma anche per parlare e confrontarmi con chi vorrà sugli argomenti che più mi interessano.

Le regole: il blog non si avvale della facoltà di moderare preventivamente i commenti dei lettori. Purtuttavia, ricordo, che gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi e in nessun caso questo sito potrà essere ritenuto responpsabile per eventuali commenti lesivi di diritti di terzi.

venerdì 13 gennaio 2012

PER IL CONSIGLIERE COMUNALE PDL DE ANTONIIS, CIVITAVECCHIA PUO' CAMBIARE CON UN GIOVANE COME ANTONIO CACACE




Non è mio solito parlare di fatti non della mia città, ma questa volta Civitavecchia ha una responsabilità, che va oltre il suo confine. In questo momento della nostra civiltà, servono uomini nuovi onesti, che credono nella giustizia e nel rispetto delle regole che applichino equità, un bene raro, ed è per questo che ho deciso di intervenire con queste parole sulle amministrative civitavecchiesi.

Non è forse arrivato il momento di fare una scelta giovane? Di vedere la propria cittadina guidata da un ragazzo? Guardando il quadro delle candidature vediamo che da una parte, quella del centro sinistra, abbiamo, forse (dipende dalle primarie) Pietro Tidei un nonno della politica, degno di un periodo politico che spero non si ripeta mai più. Dalla parte del centro destra c'è un candidato, il sindaco uscente, Gianni Moscherini che pur avendo fatto vedere buoni spiragli, ha sempre una soglia di età che non ci entusiasma. 

martedì 10 gennaio 2012

AL VIA I CORSI DI FORMAZIONE IN COMUNICAZIONE POLITICA E ASSISTENTI PARLAMENTARI


"La Fondazione Farefuturo continuano a credere nei giovani di qualità e nella necessità di far crescere una nuova classe dirigente per un’Italia migliore.

Per questo stanno organizzando tre corsi di formazione: in giornalismo e comunicazione politica al tempo dei nuovi media; in tecniche legislative e strategie di comunicazione per assistenti e consulenti parlamentari; in storia e fondamenti del popolarismo europeo. I percorsi didattici partiranno a febbraio e si concluderanno a maggio, con test finale.

lunedì 9 gennaio 2012

ULTIMI GIORNI PER IL "BONUS BEBE'". C'E' TEMPO FINO AL 31.01.2012



La Regione Lazio - Assessorato Politiche Sociali e Famiglia ha istitutito l'iniziativa Bonus Bebè per tutti i bambini nati nel 2011: le loro famiglie riceveranno infatti un bonus di 450,00 € da spendere negli esercizi convenzionati per far fronte alle necessità del nuovo arrivato. L'iniziativa intende sostenere concretamente la genitorialità, l'infanzia e la famiglia.

Il Bonus Bebè è uno degli interventi del Piano Famiglia 2011, approvato con DGR 272 del 10/06/2011 e finanziato con Determinazione B7443 del 29/09/2011.

sabato 7 gennaio 2012

7 Gennaio 1978 - 7 Gennaio 2012: OLTRE 30 ANNI DI ACCA LARENTIA


Il 7 gennaio si commemorano a Roma, ma anche in tutt’Italia, i trentaquattro anni dall'assurda strage di Acca Larentia che vide cadere sotto il fuoco dell'anti-fascismo 3 giovanissimi militanti missini: Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta e  Stefano Recchioni.

Mantenere vivo il ricordo nelle coscienze è importante e fondamentale. Si tratta di tre ragazzi, di studenti disarmati, assassinati a colpi di arma da fuoco, a freddo e barbaramente, fuori la sede del Movimento Sociale Italiano. Giovani ragazzi che hanno perso la vita soltanto per aver affermato le proprie idee. E bisogna parlarne affinchè la storia non si ripeta. Occorre parlarne proprio oggi che i fatti violenti a sfondo politico sono in aumento perchè è importante ricordare quanto fossero feroci e bui gli anni di piombo.

mercoledì 4 gennaio 2012

SE ACCA LARENTIA FU UNA STRAGE BRIGATISTA


Il mitra dell’eccidio usato per tre delitti eccellenti Savasta, ex capo delle Br: dietro l’uccisione dei missini il gruppo di Marina Petrella, la “protetta” di Carla Bruni.

Il filo rosso, spezzato, della strage di Acca Larenzia. Trentatre anni dopo si allunga sulle Br l’ombra della mai chiarita mattanza del 7 gennaio 1978 dirimpetto la sezione del Msi al quartiere romano del Tuscolano: due ragazzi ammazzati, Franco Bigonzetti e Francesco Ciavatta, altri due feriti, più un terzo militante, Stefano Recchioni, ucciso negli scontri di piazza tra giovani di destra e forze dell’ordine.