sabato 22 dicembre 2012

IN ITALIA CI SONO MONTI E MONTI... NOI STIAMO CON PASQUALINO MONTI PER IL RINNOVAMENTO E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO


"Bene la scelta dell'Autority di finanziare il progetto low cost della Civitavecchia-Viterbo"


CIVITAVECCHIA - "La scelta dell'Autorità portuale di finanziare il progetto low cost e consentire così il completamento della trasversale Civitavecchia-Viterbo-Orte va applaudita e sostenuta con ogni forza. Riducendo a un terzo il costo dell'opera la si rende concretamente realizzabile mettendo in sinergia i diversi enti interessati allo sviluppo territoriale della Tuscia". Il Popolo della Città, Quattrogiungo Italia Nuova, Obiettivo Comune e il Movimento Insieme commentano con entusiasmo la decisione di Pasqualino Monti, il giovane e dinamico presidente dell'Autorità portuale di Civitavecchia.

"La Tuscia - spiegano Luigi D'Amico, Pino Antonucci, Antonio Cacace e Nicola De Liguori rappresentanti delle associazioni cittadine - offre una vasta e diversificata gamma di beni turistici: dall'archeologia alle terme, dall'enogastronomia ai percorsi naturalistici, dai beni storici e artistici. Eppure è penalizzata per la mancanza di infrastrutture sebbene sia collocata a ridosso delle due grandi direttrici di traffico che collegano la Capitale con il Nord: l'Autostrada e l'Aurelia".

"La città di Civitavecchia, maggiore terminale crocieristico del Mediterraneo, ha tutto l'interesse a integrarsi con un'area interna dalle grandi potenzialità e che trarrebbe grandi benefici dalla facilità di collegamento. Nella visione strategica del presidente Monti, che noi condividiamo in pieno, è più vantaggioso essere lo sbocco a mare di una provincia che può crescere grazie all'integrazione tra Porto e aree turistiche dell'interno e non l'estrema periferia dell'area metropolitana della Capitale"

"Per tutte queste ragioni - concludono Cacace, Antonucci, De Liguori e D'Amico - rilanciamo con forza e chiamiamo alla mobilitazione la cittadinanza e il mondo variegato dell'associazionismo e della partecipazione a sostenere le scelte di Monti tanto per il nuovo tracciato quanto per il riassetto istituzionale. Un giovane capace e legato alla comunità dimostra che il ricambio generazionale, quando è meritato e non solo legato a vincoli di parentela o ad interessi di parte, può assicurare ottimi risultati e dedizione al servizio".

0 commenti:

Posta un commento