venerdì 10 gennaio 2014

Il Popolo della Città: "A Civitavecchia si paga la mini-Imu grazie alla Giunta Tidei".



CIVITAVECCHIA - «Cancellata l’IMU sulla prima casa? Non per i civitavecchiesi che dovranno fare i conti con la cosiddetta “Mini Imu”. Entro il prossimo 24 gennaio 2014 i contribuenti si troveranno quindi a dover versare il 40% risultante tra la differenza dell’aliquota standard del 4 per mille e l’aliquota dello 1,5 per mille applicata dal Comune». E’ quanto dichiarano da “Il Popolo della Città” Antonio Cacace e Nicola De Liguori.

«Si tratta – affermano dall’associazione - di una ulteriore “stangata” servita “sul piatto d’argento” dall’ex amministrazione comunale "delle tasse", presieduta dall'ex sindaco Pietro Tidei. Nella rideterminazione delle aliquote sull’Imposta Municipale Unica (IMU), infatti, non si è pensato di equipararsi all’aliquota standard che avrebbe consentito, quindi, di evitare il versamento della “mini Imu” come sta accadendo, ad esempio, a Santa Marinella e a Tarquinia e in altri comuni del comprensorio. Ma come al solito i nostri ex amministratori hanno preferito attingere, ancora una volta, dalle tasche dei cittadini ed aumentare al 5,5 per mille la tassazione sull’abitazione principale».

«A questo punto, - continuano Cacace e De Liguori - prima che i tempi già ristretti arrivino al “fotofinish”, chiediamo al Commissario Prefettizio, Dr. Ferdinando Santoriello, di avviare una verifica presso gli uffici preposti per vagliare la possibilità di addebitare al Comune la quota parte spettante ai cittadini per l’”indigesta e ingiusta” tassazione sulla prima casa attraverso una variazione di bilancio ad hoc. Riteniamo, infatti, - concludono - che un'amministrazione comunale può essere considerata tale quando, prima di tartassare i cittadini, si adopera nella ricerca di risorse necessarie tra le maglie "larghissime" degli sprechi e delle spese inutili evitando di utilizzare il contribuente a mo di “bancomat” da utilizzare a proprio piacimento».

www.ilpopolodellacitta.it

0 commenti:

Posta un commento