Header Ads

Chi è Antonio


Sposato e papà di due bambine. Vive da sempre a Civitavecchia e lavora a Roma presso una sede centrale della pubblica amministrazione.

Laureato in Scienze Economiche, iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Lazio, scrive per il quotidiano da lui fondato "La Voce del Popolo" e collabora con alcune testate giornalistiche.

Appassionato da sempre della politica ed è da sempre impegnato nel volontariato sociale.

Nel 2000 si iscrive come volontario della Croce Rossa Italiana.

Nel 2011 fonda e diventa presidente de Il Popolo della Cittàun'associazione che nasce per promuovere e coordinare attività politiche, culturali e sociali col fine di restituire ai cittadini (o meglio al "Popolo della Città") il proprio futuro e il proprio territorio.

Nel 2013 riesce a realizzare un vecchio sogno e fonda, insieme a un gruppo di amici, il quotidiano "La Voce del Popolo" (www.lavocedelpopolo.net).

Nel 2019 è tra i fondatori del gruppo locale di "Fare Verde onlus", l'associazione ambientalista nata nel 1986 e dal 2003 riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente. Oltre ad essere un volontario a tutto tondo, è stato anche portavoce e responsabile della comunicazione della sezione di Civitavecchia per tutta la fase commissariale.

E' un appassionato della rete globale di internet in quanto la ritiene un mezzo di comunicazione straordinario.

Ama la città in cui vive e si impegna affinché possa contribuire a renderla sempre più bella, sana e vivibile. 

E' un appassionato della politica in quanto la ritiene un servizio sociale primario. Si è candidato tre volte al consiglio comunale della sua città, raggiungendo buoni risultati personali senza, purtuttavia, aver avuto il piacere di misurarsi nella massima assise cittadina.

Ama anche il buon cibo, la montagna ed il trekking all'aria aperta, anche se, per queste ultime due passioni, non si direbbe proprio...

E' un mancato tennista, è stato un quasi campione di karate ed una promessa mancata del calcio quando giocava nelle strade del suo quartiere, o forse è quello che preferisce pensare... 

Sostiene che tutti debbano avere il dovere civile di impegnarsi al 100% e a 360° per ciò che ritengono giusto ed utile per la società, perché è convinto che ogni generazione ha l'obbligo morale di lasciare ai propri figli un mondo migliore di quello ricevuto. Questo è per lui il vero senso della vita.

Nessun commento:

Powered by Blogger.