Header Ads

RIFIUTI: TRA POLITICA E POPOLO, IO SCELGO IL POPOLO !



"Siamo pronti a fare le barricate come a Tersigno, se la Regione indicherà Allumiere come sito per la nuova discarica di Roma". Parole dure, indubbiamente poco “politicamente corrette”, sicuramente per niente buoniste. E' questa la dichiarazione del sindaco di Allumiere Battilocchio, in merito alle voci che vedono proprio il suo comune in pole position per sostituire la discarica di Malagrotta e, conseguentemente, per far bruciare la “monnezza romana” nella Centrale Enel di Civitavecchia.

Perchè questo rifiuto fermo di Battilocchio e di altri amministratori del litorale dell’alto Lazio?

Perché la gente di qui è stufa di subire decisioni prese dall’alto e di doversi sacrificare - e sacrificare la salute dei propri cari - per agevolare le carriere politiche di alcuni e per “accollarsi” problemi che altri preferiscono non affrontare. Che il sindaco di Roma e i responsabili dell’Ama si risolvano i loro problemi legati allo smaltimento dei loro rifiuti a casa loro, all’interno del loro territorio di competenza, così come l’amministrazione comunale di Civitavecchia e quelle dei comuni dell’alto Lazio si stanno prodigando da anni e con varie formule per tentare di risolvere e smaltire i propri rifiuti. Sono pagati per questo e per questo hanno chiesto di essere eletti, altrimenti qualcuno dovrà assumersi la responsabilità di chiedere le dimissioni di questi signori per incapacità decisionale e amministrativa. Il diritto alla salute è un diritto assoluto ed è sancito dalla Costituzione. Il benessere di molti - se anche di questo si trattasse... e non lo è! - non può fondarsi sulla violazione del diritto alla salute di altri. E' un principio di diritto!

Il litorale dell’Alto Lazio è un territorio bellissimo che l’uomo (o per essere più precisi che certa politica) in cinquant’anni ha gravemente ferito: nei luoghi dove il sindaco di Roma vorrebbe smaltire i propri rifiuti già c’è una centrale a carbone dell’Enel, una ad olio combustibile di Tirreno Power, c’è il porto di Roma e altre servitù con le loro fonti inquinanti che creano già tanti danni in campo ambientale e sanitario.

Ora non ci resta che sperare (per scongiurare le barricate) nella governatrice del Lazio Renata Polverini che, al termine di un incontro proprio col primo cittadino della Capitale, ha dichiarato che “il comune di Roma può esprimere una posizione se lo spazio che mettono a disposizione è all'interno del loro comune" (e Allumiere e Civitavercchia non lo sono!) facendo intendere con queste sue dichiarazioni che la Pisana - unica ad avere competenza in materia - ha assunto una posizione differente dal Comune di Roma. E questo mi conforta! 

La presa di posizione “poco buonista” di Battilocchio, Bacheca e di altri amministratori “coraggiosi” del nostro territorio (e speriamo anche della Presidente Polverini) ci piace, non per l’appartenenza politica che ovviamente è differente dalla nostra, ma perché hanno scelto di stare dalla parte della Gente. La loro Gente!

TRA LA POLITICA E IL POPOLO, IO SCELGO IL POPOLO.

E VOI?

6 commenti:

  1. Bravo Toni! io ci sono

    RispondiElimina
  2. e noi stiamo con te OVVIO!!!!!

    RispondiElimina
  3. Antonio Cacace9 novembre 2010 12:46

    la citta di Roma produce circa 380.000 tonnellate di rifiuti all'anno, pensate cosa vorrebbe dire trasportare su gomma questi rifiuti da Roma ad Allumiere (km 80 circa), decine e decine di camion dell'AMA che intasano l'autostrada Roma/Civitavecchia su entrambi i sensi di marcia (perchè avremmo un flusso continuo, per l'intera giornata, di camion che vanno e vengono) e pensate ai disagi e all'inquinamento che produrrebbero con i loro gas di scarico.Poi ci sarebbe l'inquinamento e il deturpamento del parco naturale dei monti della Tolfa. Poi ci sarebbe l'inquinamento da diossina (CHE SI ANDREBBE AD AGGIUNGERE A QUELLO PRODOTTO DAL CARBONE E DAL RESTO...) perchè questi rifiuti verrebbero bruciati nella centrale Enel di Civitavecchia.
    Pensate che bello, a Civitavecchia si sta per avviare (dopo tanti problemi) la raccolta differenziata dei rifiuti per non andare ad aggravare ad una situazione già grave in ambito ambientale e "loro" vorrebbero "candidamente" farci respirare (pure) la diossina della monnezza di Roma.

    Antonio Cacace

    RispondiElimina
  4. DAL POPOLO, CON IL POPOLO E PER IL POPOLO! Il resto non mi interessa. Di certo tu non sei uno che le manda a dire..BRAVO!!! Sono un tuo lettore affezionato e apprezzo quello che fai [ce ne vorrebbero come te] e se non ci sarà alternativa sarò anch io al di qua della barricata.
    A.B.

    RispondiElimina
  5. siamo diventati un territorio stuprato al quale qualcuno vorrebbe dare il colpo di grazia SVEGLIAMOCI

    RispondiElimina

Powered by Blogger.