Benvenuti nel blog ufficiale di Antonio Cacace.

Questo blog nasce con il preciso intento di far sentire la propria voce ed esprimere il proprio pensiero, liberamente e democraticamente.

Questo Blog nasce perchè non mi piace subire gli eventi ma partecipare agli stessi. Ma anche per parlare e confrontarmi con chi vorrà sugli argomenti che più mi interessano.

Le regole: il blog non si avvale della facoltà di moderare preventivamente i commenti dei lettori. Purtuttavia, ricordo, che gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi e in nessun caso questo sito potrà essere ritenuto responpsabile per eventuali commenti lesivi di diritti di terzi.

mercoledì 19 ottobre 2011

Scoop e l'intervista de "L'Opinione", secondo loro io sarei il terzo incomodo per la corsa a sindaco di Civitavecchia


Posto l'intervista che mi è stata gentilmente rivolta dal quotidiano "L'Opinione" e che è stata pubblicata a firma del giornalista Demetrio Logiudice, che ringrazio, nel numero del 18 ottobre 2011.

CLICCA SULL'IMMAGINE PER LEGGERE L'INTERVISTA

Rumors, frasi dette e mai approfondite e smentite. Ed una campagna elettorale alle porte forse tra le più agguerrite. E tra le voci ecco quelle raccolte in strada, tra incontri fugaci e simpatici siparietti. Antonio Cacace, il presidente dell’associazione cittadina Il Popolo della Città, potrebbe essere il terzo o il quarto incomodo nella corsa a palazzo del Pincio per la carica di sindaco di Civitavecchia.

Da alcuni giorni in città gira la voce, che si starebbe organizzando intorno a una figura giovane, impegnata e fuori dalla casta della politica locale, una coalizione formata da sole liste civiche, anche trasversali, che si presenterebbe in rappresentanza della così detta società civile e in alternativa all’intera classe politica: una sorta di “indignatos” locali che, insoddisfatti di come vengono rappresentati, non delegano più ai partiti ed alla politica ma scendono in campo in prima persona. E sembrerebbe che i promotori di questo progetto si stiano orientando a scegliere una persona come lui.

Antonio Cacace in effetti da diversi anni è impegnato nel sociale senza però tuttavia mai schierarsi con chi ha amministrato la città. La sua associazione è tra le più attive nel territorio. Sono sue le proposte innovative come il progetto Ecobank per incentivare la raccolta differenziata, la richiesta agli armatori di compensare l'inquinamento prodotto con investimenti per la rinascita di Civitavecchia, ad esempio partecipando alle spese per l’elettrificazione delle banchine portuali. Il Popolo della Città fu tra i pochi schierati ad opporsi apertamente alla discarica romana, tra i tanti a criticare la gestione degli immigrati dentro e fuori la ex caserma De Carolis. Non c'è stato aspetto della vita cittadina in cui Cacace e la sua associazione si siano dimostrati distratti: ricordiamo le denunce contro la mancanza di regole certe nella cosiddetta movida civitavecchiese, contro i disagi dei pendolari e la proposta di nominarne un delegato, la richiesta di riaprire il marciapiede del viale e la proposta di restituire alla città l’antemurale Colombo, di realizzare il percorso storico turistico della Centumcellae romana, la necessità di aumentare il numero delle licenze dei taxi e degli ncc per garantire il servizio in città.

Cacace potrebbe rappresentare il nuovo e l’alternativa a questa classe politica civitavecchiese, potrebbe essere la sintesi per le tante anime della società civile che vorrebbero vedere conclusa questa stagione politica.

Raggiunto al telefono, il rappresentante de Il Popolo della Città non ha né confermato né smentito la notizia, si è limitato a dire che “non c’è nulla di concreto. Non nego che me ne hanno parlato, qualche amico, stupendomi, ha azzardato questa ipotesi ma nulla più. Quello che posso dire è che da anni non mi piace più il modo in cui viene amministrata la nostra città. Vedo, elezioni dopo elezioni, chiedere il voto ai cittadini per poi rappresentare altro una volta eletti: poteri forti ed interessi di parte. Non mi piace vedere persone che campano di politica in nome del Popolo. La gestione della cosa pubblica dovrebbe essere una parentesi nella vita di ognuno o comunque una prestazione disinteressata e questo mi fa venire voglia di scendere in campo e rompere il giocattolo a qualcuno. Poi se e come accadrà sinceramente non so dirlo ma non è importante, i problemi di Civitavecchia sono altri. Intanto noi continuiamo ad andare avanti e batterci, tutti i giorni, con proposte e iniziative a favore di Civitavecchia, che amiamo tanto, e dei nostri concittadini”.

CIVITAVECCHIA, CACACE (IL POPOLO DELLA CITTA'): "APPREZZO SOSTEGNO E STIMA DI D'AMICO, MA IPOTESI SU MIA CANDIDATURA A SINDACO E' PREMATURA"



"Ringrazio quanti mi hanno contattato per sapere della mia candidatura e gli amici che hanno voluto dimostrarmi stima e fiducia nonché apprezzamento per il lavoro che stiamo svolgendo come associazione all’interno de Il Popolo della Città. Tutto ciò, non lo nascondo, è molto gratificante. Ringrazio in particolare Luigi D’Amico, responsabile del circolo Pdl Promotori della Libertà “Centumcellae” di Civitavecchia per le attestazioni di stima, per le belle parole che ha voluto esprimere nei miei riguardi e per l’aver voluto pubblicamente sostenere una mia eventuale candidatura a sindaco. Vorrei però precisare che allo stato attuale è prematura ogni considerazione circa una mia possibile candidatura di qualsiasi tipo. Mi sottraggo, almeno per ora, ad ogni tormentone sul futuro sindaco di Civitavecchia in quanto, come già dichiarato in alcune interviste, alla base non c’è nulla di concreto, ma solo supposizioni e inviti a scendere in campo da parte di qualche amico.

CANDIDATURE ALTERNATIVE: D'AMICO: SIAMO PRONTI A SOSTENERE UN'EVENTUALE CANDIDATURA DI CACACE


Finalmente in città si inizia a parlare di rinnovo per quanto riguarda le prossime amministrative. Anche se Cacace smentisce o per lo meno nicchia, i promotori della Libertà "Centumcellae" vedrebbero di buon occhio una candidatura di Antonio Cacace, se decidesse di scendere in campo quale candidato Sindaco, sicuramente lo appoggeremmo in maniera incondizionata in quanto ha dimostrato in questi anni di essere un giovane impegnato nelle attività cittadine ma estraneo alla casta della politica locale.
Per noi, e spero per tantissimi cittadini, rappresenterebbe il nuovo che avanza, quello che noi promotori da sempre predichiamo e che il governo Nazionale è intenzionato a proporre, parole sagge dette anche dal Segretario Nazionale del PDL Angelino Alfano.  Rappresentante di istanze che stanno a cuore ai cittadini. Cacace è un giovane rampante, guida il movimento cittadino "Il popolo della città" ed è impegnato da molti anni in politica e nel sociale senza aver mai avuto bisogno di schierarsi con chi detiene il potere e gestisce la cosa pubblica.

domenica 16 ottobre 2011

Indignati, Roma 15 ottobre: Quante balle su black bloc. Sono solo vecchi criminali

Facce vecchie. Dietro la sigla indignados si nascondono i soliti noti: i violenti hanno soltanto cambiato il nome.


Indignati o rivoltosi? Indignati o criminali? Al corteo di Roma è accaduto quanto molti temevano. Migliaia di persone condotte in piazza allo sbando, senza un minimo di organizzazione. Nessun servizio d’ordine. Nessun gruppo di comando. Nessuna difesa nei confronti di una parte dei manifestanti: quella arrivata a Roma per combattere, per distruggere, per uccidere.

giovedì 13 ottobre 2011

ROMA, 15 OTTOBRE 2011 "GLOBAL REVOLUTION". PERCHE' CI SARO'



Il 15 ottobre 2011 c'è una manifestazione. E’ una Manifestazione Globale, in tutte le piazze del mondo, contro il potere occulto delle Banche, dei Governi e dell’attuale economia mondiale.
In Italia la manifestazione si terrà a Roma alle ore 14 concentramento Piazza della Repubblica.