Header Ads

I 90 anni dell'Amerigo Vespucci, la "nave più bella del mondo"

Era il 22 febbraio del 1931 quando veniva varata, presso il Cantiere Navale di Castellammare di Stabia, l'Amerigo Vespucci, la nave della Marina Militare Italiana che oggi festeggia i suoi primi 90 anni di attività. Il 22 febbraio, non a caso, è anche l’anniversario della morte del celebre navigatore ed esploratore fiorentino, di cui la nave porta il nome.

Nata come Regia nave scuola, per l’addestramento degli allievi ufficiali, dell'allora Regno d'Italia con Re Vittorio Emanuele III, si legge in una nota della Marina Militare, il Vespucci è da sempre uno dei simboli della nostra Marina nel mondo, "l'immagine inconfondibile che risalta nei porti e nelle acque della nostra Nazione". Il veliero, di 101 metri, ovunque attracca attira migliaia di persone che desiderano visitarla ed ammirare "lo stile italiano". Dal punto di vista tecnico l’Amerigo Vespucci è una nave a vela con motore, con tre alberi verticali dotati di pennoni e vele quadre, più il bompresso sporgente a prora che a tutti gli effetti è un quarto albero.

L'appellativo di "nave più bella del mondo" risale al 1962, dopo l'incontro nel Mediterraneo con la portaerei statunitense USS Independence che dopo aver chiesto al veliero di  identificarsi tramite il segnalatore luminoso, alla risposta "Nave scuola Amerigo Vespucci, Marina Militare Italiana", replicò: "Siete la nave più bella del mondo". 

Nel suo novantesimo anniversario, la nave a vela per eccellenza, intreccia ancora una volta il suo destino con con un'altra nostra vela eccellente, famosa nel mondo per le sue imprese sportive: il Luna Rossa Prada Pirelli Team che, proprio in questi giorni, diventa ufficialmente il "challenger" per la 36° America's Cup in programma ad Auckland, in Nuova Zelanda, il 6 marzo prossimo, nelle stesse acque dove si incontrarono 19 anni fa.   

Nessun commento:

Powered by Blogger.